Antonietta Chiodo

Antonietta Chiodo

Nata a Roma il 2 Aprile 1976, cresciuta a Milano, mi diplomo come perito tipografo nel 1995 lavorando per alcuni anni presso il Corriere della Sera. Ho sempre amato il circuito che crea l’informazione, dal primo tassello che può definirsi la stesura di un articolo alla creazione di stampa in esso. Ero affascinata dalla stampa offset e da quella a torchio avendo come insegnanti i tipografi storici del quotidiano locale milanese. Mi sono occupata sin da bambina di diritti umani essendo cresciuta con una madre profondamente legata alla causa palestinese, cominciando così varie letture che mi hanno trascinata nell’arco degli anni a confrontarmi sempre più la cultura islamica cercando di mantenere una visione individuale ed imparziale delle dinamiche. Amare la pittura sin da bambina mi ha portata a conseguire una mini laurea di disegnatore di animazione ed a collaborare con varie associazioni per eventi grafici e pubblicitari legati al disagio umanitario. Lavori che mi hanno donato profonde soddisfazioni con associazioni quali ANLAIDS e Gruppo Abele, da qui il mio trasferimento a Torino nel 2003. Collaborato per parecchi anni come grafico per Narcomafie la cui direttrice Manuela Mareso è una da cui ho tratto grandi insegnamenti, Animazione Sociale e Cooperazione internazionale da cui nacquero 3 mini libri che vennero applauditi a Bruxelles nel 2006. Insieme ad una equipe di psicologi e mediatori culturali tracciamo sul campo la storia dei minori in Burkina Faso, Marocco e zone desertiche limitrofe trattando i temi dell’ Aids e dei minori nelle carceri. Continuai negli anni il lavoro di collaborazione con alcuni giornali locali e soprattutto con associazione del BDS per il boicottaggio dei prodotti israeliani. Inizio 2013 mi trasferì per alcuni mesi in Brasile in una scuola che si occupava di scolarizzazione e protezione per i bambini delle favelas. Rientrata obbligatoriamente causa tumulti nelle zone di Salvador de Bahia nel 2013 ripresi il mio lavoro di cronista scrivendo ed intervistando sempre in merito alla diversità di culture nelle relazioni odierne. Ho sempre condotto il mio lavoro cercando di trarre più insegnamenti possibili dalle persone che si sono trovate a percorrere con me un percorso, legata alle filosofie buddhiste cerco sempre di relazionarmi senza alcun giudizio. Non credo che la guerra possa essere un vettore per la pace, credo nei ponti, nei confronti e nell’ascolto.

08.01.2017

Camion palestinese travolge Gerusalemme mentre si chiede grazia per i militari israeliani colpevoli di omicidio

Camion palestinese travolge Gerusalemme mentre si chiede grazia per i militari israeliani colpevoli di omicidio

E’ di poche ore fa la notizia di un camion scagliato da un uomo palestinese contro soldati israeliani alle porte di Gerusalemme Est: alle 14.00 di oggi le fonti diplomatiche confermano 4 morti e 15 feriti. L’ uomo, il cui nome è stato da poco reso noto come Sami al… »

06.01.2017

Progetto per la Palestina “La PACE dei BIMBI”

Progetto per la Palestina “La PACE dei BIMBI”

Da anni la mia passione per i diritti umani e la scrittura mi hanno portata a collaborare con varie testate giornalistiche tra cui Promosaik e Pressenza International Press Agency dandomi così l’opportunità di documentare la verità. Spesso mi sono trovata a diretto contatto con le popolazioni… »

05.12.2016

Hamas denuncia continue aggressioni mentre salgono a 4 i morti all’interno dei tunnel

Hamas denuncia continue aggressioni mentre salgono a 4 i morti all’interno dei tunnel

Il maggior esponente del partito islamico Khaled Mishaal nelle scorse ore ha rilasciato dichiarazioni importanti riguardo agli ultimi accadimenti che hanno visto coinvolte la Cisgiordania e la Striscia di Gaza: “ Si gioca con il fuoco, non ci sarà stabilità nella regione sino a quando al popolo palestinese… »

24.11.2016

Violenza sulle donne, tornare a volare è possibile

Violenza sulle donne, tornare a volare è possibile

Quando si parla di violenza sulle donne accade spesso che l’attenzione si concentri su di un abuso, un ricordo o qualcosa che ci ha portati almeno una volta nella nostra vita a sentirci molto vicini a questo argomento. Le guerre che occupano ormai i tg ogni mattina e ogni sera… »

02.11.2016

Jenin, dopo ore di scontri arrestato un altro minore

Jenin, dopo ore di scontri arrestato un altro minore

Si fa sempre più alta la tensione all’interno dei campi profughi palestinesi, causata dalle continue incursioni armate sia da parte di militari israeliani che dell’Autorità palestinese a danno della popolazione e in particolare dei giovani. Nell’ultimo mese ho potuto verificare personalmente le tensioni e la paura che circondano… »

01.11.2016

Un medico in Palestina: la mia vita quotidiana

Un medico in Palestina:  la mia vita quotidiana

La storia di Mohammed, un medico palestinese che tutti i giorni si dedica alla difesa della vita, per il rispetto dei diritti di tutti. »

20.10.2016

Palestina: intervista al sarto di Jenin

Palestina: intervista al sarto di Jenin

Jenin, Ottobre 2016. Ci spostiamo nella città di Jenin, attraversando insediamenti di coloni presidiati dai militari e  costellati di check point, la situazione politica palestinese è estremamente complessa e la popolazione attende oramai da un mese un nuovo governo che permetta loro di comprendere cosa possa accadere in… »

08.10.2016

“Mi lasciano morire di cancro perché moglie d’un militante di Hamas”

“Mi lasciano morire di cancro perché moglie d’un militante di Hamas”

La testimonianza scioccante di una madre ed una moglie, che ancor prima di tutto, si dichiara una donna palestinese, a cui sono stati negati tutti i diritti fondamentali riconosciuti ad un essere umano. »

06.10.2016

Palestina: Campi profughi senza più diritto alle cure

Palestina: Campi profughi senza più diritto alle cure

Ramallah, Al Amari Camp: Desolante racconto delle condizioni di vita delle persone che vivono all'interno dei campi profughi palestinesi. »

01.09.2016

Sri Lanka, diritti delle donne violati e adozioni bloccate

Sri Lanka, diritti delle donne violati e adozioni bloccate

Esistono realtà femminili molto distanti da quelle che vorremmo concepire, soprattutto in un’epoca in cui la donna vive alla continua ricerca di una stabilità e di un senso di riconoscimento nella società che la circonda. In Sri Lanka la figura femminile è ancora oggi fragile e continuamente vittima di abusi… »

Archivi

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.