Muore Larry Colburn, che intervenne per fermare il massacro di My Lai in Vietnam

19.12.2016 - Democracy Now!

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

Muore Larry Colburn, che intervenne per fermare il massacro di My Lai in Vietnam
(Foto di James K. F. Dung, Wikimedia Commons)

Il veterano dell’esercito americano Larry Colburn, che nel 1968 intervenne per fermare il massacro di My Lai, in Vietnam, è morto all’età di 67 anni di cancro al fegato nella sua casa in Georgia. Colburn faceva parte con due compagni dell’equipaggio di un elicottero che affrontò altri soldati intenti a trucidare centinaia di vietnamiti innocenti. Colburn aveva 18 anni quando insieme a Hugh Thompson e Glenn Andreotta minacciò di aprire il fuoco se le truppe avessero continuato il massacro.

“Glenn Andreotta vide un bunker di terra da cui spuntavano delle facce” ha raccontato Colburn a Democracy Now! nel 2006. “Stava arrivando una squadra di americani. E tutti noi abbiamo deciso che se non avessimo fatto qualcosa nei 30 secondi successivi, tutta quella gente sarebbe morta. Così Thompson ha fatto atterrare l’elicottero tra le truppe che avanzavano e la gente nel bunker, poi è uscito a parlare con il tenente e gli ha chiesto come tirar fuori quella gente. Erano chiaramente civili. Il tenente ha risposto che li avrebbe tirati fuori a colpi di bombe a mano. Anche se era inferiore di grado, Thomson gli ha ordinato di tenere fermi i suoi. E poi credo che gli abbia detto: ‘Se sparate a quella gente mentre li tiro fuori dal bunker, i miei spareranno a voi.’”

 

Categorie: Asia, Nord America, Pace e Disarmo
Tags: , ,

Archivi

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.