Africa

06.01.2017

L’Onu si impegni per liberare il blogger mauritano M’Kheitir

L’Onu si impegni per liberare il blogger mauritano M’Kheitir

Mauritania: Mohamed Cheikh Ould M’Kheitir, il “Raif Badawi” dell’Africa, arrestato e condannato per apostasia, si trova da tre anni nel braccio della morte in attesa della sua esecuzione. APM chiede alle Nazioni Unite di impegnarsi per la liberazione del blogger mauritano L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si è… »

05.01.2017

Per la prima volta l’OCSE avvia un’indagine sul WWF

Per la prima volta l’OCSE avvia un’indagine sul WWF

Con una decisione senza precedenti, un membro dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha deciso di investigare in merito a un’istanza secondo cui il WWF (Fondo Mondiale per la Natura) avrebbe finanziato violazioni dei diritti umani in Camerun – avviando così un procedimento utilizzato… »

05.01.2017

Nigeria: MSF distribuisce cibo a Maiduguri

Nigeria: MSF distribuisce cibo a Maiduguri

Medici Senza Frontiere (MSF) è preoccupata per la situazione di milioni di persone che anche quest’anno rimangono sfollate a causa del conflitto. Nonostante l’aumento dell’assistenza umanitaria negli ultimi mesi, centinaia di migliaia di esse vivono in zone senza accesso a cibo, acqua e assistenza sanitaria. Senza un significativo ampliamento degli… »

05.01.2017

Egitto, torna in libertà Ahmed Maher, protagonista della rivolta del 2011

Egitto, torna in libertà Ahmed Maher, protagonista della rivolta del 2011

Ha scontato fino all’ultimo giorno i tre anni di carcere cui era stato condannato, nel dicembre 2013, per aver violato la draconiana legge sulle proteste. Dalla tarda serata del 4 gennaio Ahmed Maher, cofondatore del “Movimento 6 aprile” e straordinario protagonista della rivoluzione del 25 gennaio 2011, è di nuovo… »

04.01.2017

Etiopia: la fame illuminata dalla luce elettrica!

Etiopia: la fame illuminata dalla luce elettrica!

Ne parliamo da anni. Adesso è realtà. È stata inaugura sabato 17 dicembre sul fiume Omo in Etiopia Gibe III, una delle più controverse dighe della storia. Dall’alto dei suoi 240 metri di altezza, 630 metri di larghezza in cresta e 1.870 MW di capacità, la diga che… »

03.01.2017

Sudan, rilasciato pastore di una chiesa cristiana

Sudan, rilasciato pastore di una chiesa cristiana

Kuwa Shamal, pastore della Chiesa sudanese di Cristo, è stato rilasciato il 2 gennaio dopo che un tribunale di Khartoum, la capitale del Sudan, lo ha assolto da una serie di accuse relative alla sicurezza nazionale che avrebbero potuto costargli la pena di morte. Shamal era stato arrestato oltre un… »

30.12.2016

Giulio Regeni, nulla di nuovo

Giulio Regeni, nulla di nuovo

Due scadenze, il passaggio al nuovo anno e l’avvicinarsi del 25 gennaio, primo anniversario della sparizione di Giulio Regeni al Cairo, rischiano di produrre azioni frettolose, che hanno l’obiettivo di chiudere presto il periodo di rapporti tesi tra Italia ed Egitto arrivando a una qualche “verità”. Che abbia fretta il… »

29.12.2016

Il capo del sindacato degli ambulanti egiziani ammette di aver denunciato Giulio Regeni

Il capo del sindacato degli ambulanti egiziani ammette di aver denunciato Giulio Regeni

Il “deus ex machina”, il capo del sindacato degli ambulanti egiziani, ha parlato (di solito lo faceva con la polizia, ieri con un giornalista). Le sue affermazioni confermano quanto di lui scriveva Giulio (“una miseria umana”) e la squallida grettezza di un personaggio che basa la sua ascesa sociale su… »

26.12.2016

Fra l’indifferenza mondiale, il Congo scosso da bagni di sangue

Fra l’indifferenza mondiale, il Congo scosso da bagni di sangue

«Lorsque ces massacres passent ds l’indifférence générale, c’est que nous avons atteint le paroxysme de l’horreur», “Quando questi massacri passano nell’indifferenza generale, noi abbiamo raggiunto il culmine dell’orrore“. Nessuno meglio di chi scrive sotto lo pseudonimo Joseph Lordure può definire quello che oggi, come da anni o da sempre verosimilmente, sta avvenendo in… »

25.12.2016

È caduta l’ultima roccaforte di Boko Haram

È caduta l’ultima roccaforte di Boko Haram

  Sono le 13.35 del 23 dicembre quando, nella foresta di Sambisa in Nigeria, cessa il rumore degli spari. È caduta l’ultima roccaforte di Boko Haram. L’esercito regolare da settimane cercava di prendere l’ex riserva coloniale, base del gruppo terrorista africano. Ora ce l’ha fatta, ponendo fine ad una missione… »

Archivi

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.